Traslochi Porta Nuova – DECRETO FISCALE. PRIMI CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

 In traslochi news

Traslochi Porta Nuova – Decreto fiscale. Primi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sui nuovi obblighi introdotti dall’art. 4, in materia di ritenute e compensazioni in appalti e subappalti.

Traslochi Porta Nuova

Traslochi Porta Nuova Nessi

Con la Risoluzione n. 108 del 23 Dicembre u.s, l’Agenzia delle Entrate ha emesso i primi chiarimenti sui nuovi obblighi introdotti dal decreto legge fiscale (art. 4 del d.l 124/2019, che ha introdotto l’art.17 bis del d.lgs 241/1997), in materia di ritenute e compensazioni nei contratti di appalto, subappalto o affidamento, comunque denominato, di opere o servizi di importo complessivo annuo superiore a 200.000 €, caratterizzati dal prevalente utilizzo di manodopera presso le sedi di attività del committente e con utilizzo di beni strumentali di proprietà del medesimo committente o ad esso riconducibili in qualsiasi forma (vedi circolare FAI n.259-2019 del 21 Dicembre 2019).

Le predette disposizioni prescrivono obblighi specifici per le parti coinvolte, ed in particolare:

– il comma 1 obbliga l’impresa appaltatrice, affidataria o subappaltatrice, a versare le ritenute operate ai lavoratori direttamente impiegati nell’esecuzione dell’opera o del servizio, “con distinte deleghe per ciascun committente”, mentre il comma 2, specularmente, obbliga il committente a verificarne il versamento;

– il committente, a sua volta, deve richiedere copia delle predette deleghe di pagamento all’impresa appaltatrice, affidataria o subappaltatrice che, a sua volta, deve provvedere al rilascio entro i 5 giorni lavorativi successivi alla scadenza del versamento (comma 2, art.17 bis).

Sempre il comma 2 prevede l’obbligo di trasmettere al committente anche un “ elenco nominativo di tutti i lavoratori, identificati mediante codice fiscale, impiegati nel mese precedente direttamente nell’esecuzione di opere o servizi affidati dal committente, con il dettaglio delle ore di lavoro prestate da ciascun percipiente in esecuzione dell’opera o del servizio affidato”; pertanto, l’Agenzia delle Entrate ritiene che la quantificazione dei versamenti distinti per ciascun committente (e, quindi, della retribuzione corrisposta al dipendente in esecuzione della specifica opera o servizio affidatogli, e conseguentemente della relativa ritenuta operata), vada effettuata sulla base di parametri oggettivi (come, ad esempio, sulla base del numero di ore impiegate in esecuzione della specifica commessa).

La decorrenza delle nuove disposizioni è stata fissata al 1 Gennaio 2020, per cui le stesse si applichino alle ritenute operate a decorrere dal mese di Gennaio c.a (interessando, quindi, i versamenti eseguiti nel mese di Febbraio p.v), coinvolgendo anche i contratti di appalto, affidamento o subappalto stipulati antecedentemente al 1 Gennaio 2020.

Sempre in riferimento ai nuovi obblighi, con la risoluzione n. 109 del 24 dicembre u.s, l’Agenzia delle Entrate ha fissato il codice identificativo da inserire nel modello F24, per il versamento

CIRCOLARI delle ritenute fiscali dei lavoratori impiegati presso uno stesso committente, nell’esecuzione dell’opera o del servizio oggetto del contratto di appalto, subappalto, ecc..

Il codice è lo “09” denominato “Committente”.

Le modalità di compilazione dei campi della sezione “CONTRIBUENTE” del modello “F24”: sono le seguenti:

– nel campo “codice fiscale”, è indicato il codice fiscale dell’impresa appaltatrice o affidataria ovvero dell’impresa subappaltatrice, tenuta al versamento;

– nel campo “Codice fiscale del coobbligato, erede, genitore, tutore o curatore fallimentare”, è indicato il codice fiscale del soggetto committente, unitamente al codice identificativo “09”, da riportare nel campo “codice identificativo”.

I modelli F24 sono consultabili sia dall’impresa che ha effettuato il pagamento, sia dal soggetto committente, tramite il “cassetto fiscale” accessibile dall’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate.

Traslochi Porta Nuova www.nessi.it

Per informazioni tecniche e preventivi scrivi al nostro ufficio tecnico specializzato.

Nessi Traslochi si avvale di un team di tecnici specializzati nel campo dei traslochi supportati da automezzi e attrezzature di ultima generazione e sempre all’avanguardia per fornirVi un servizi con standard qualitativi elevatissimi. Il trasloco e quant’altro servizio verrà svolto rispettando tutte le normi vigenti in materia di sicurezza e protezione dei Vostri arredi e beni personali. Affidatevi ai professionisti per evitare spiacevoli sorprese!

COSA OFFRE LA NOSTRA AZIENDA

Traslochi Porta Venezia oltre ai servizi sopraccitati offre garanzia su tutti i mobili, oggetti ed attrezzature spostate durante il trasloco. Tutti gli oggetti visionati prima di essere imballati ed considerati integri, funzionanti e con assenza di segni e graffi saranno rimborsati in caso di danneggiamento da parte dei nostri tecnici. Oltre questo forniamo tutto il materiale di imballaggio necessario per un trasloco senza sorprese e un servizio speciale per il trasporto con imballaggi speciali di opere d’arte e di oggetti di elevato valore riconosciuto.

RICHIEDI UN PREVENTIVO

*I Suoi dati saranno trattati da Nessi S.r.l. – Titolare del trattamento – per rispondere alla Sua richiesta di preventivo. A tale scopo, è necessario il conferimento di tutti i dati contrassegnati con asterisco. La invitiamo a consultare la privacy policy (https://traslochi.blog/cookie-privacy-policy/) per ottenere maggiori informazioni a tutela dei Suoi diritti.

Post suggeriti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Traslochi Porta VeneziaTraslochi San Siro